Skip to main content

Origine: АrсhDаilу

Una vista dall’alto: la storia delle torri di osservazione

Una vista dall'alto: la storia delle torri di osservazione, Dubai Creek Tower / Dubai.  Immagine © Santiago Calatrava Architetti e ingegneri

C’è qualcosa di magico nel vedere una città dall’alto. Avere un nuovo punto di osservazione e guardare attraverso uno skyline invece di guardarlo in alto è una delle sensazioni più potenti e maestose. I ponti di osservazione non sono solo meraviglie architettoniche, ma anche una sorta di icona civica e senso di orgoglio per una città. Al giorno d’oggi, non è solo la loro altezza che attira le persone, ma anche la programmazione aggiuntiva di bar altissimi, giostre e bungee jumping.

Torre Eiffel / Parigi.  Immagine per gentile concessione di AL_A

Le torri di osservazione sono state a lungo una parte importante dell’urbanistica, dell’orgoglio cittadino e dell’attrazione turistica. Nel 1889, per l’Esposizione Universale di Parigi, la Torre Eiffel fu dotata di un sistema di ascensori ad alta tecnologia che consentiva ai passeggeri di spostarsi dall’alto verso il basso in modo sicuro e veloce. Sebbene la torre avrebbe dovuto resistere solo per i due decenni successivi, è diventata rapidamente un simbolo iconico di Parigi e una rappresentazione dei significativi progressi tecnologici della città ed è ancora oggi uno dei punti di osservazione più visitati.

Ispirati dal successo della Torre Eiffel, molti altri hanno seguito l’esempio e hanno iniziato a costruire strutture proprie. Molti architetti e artisti ritenevano che, anche se non disponessero di un luogo da cui guardare la città circostante, la giusta combinazione di altezza e simbolismo avrebbe avuto lo stesso effetto e avrebbe generato eccitazione, tuttavia, non era spesso il caso. L’artista russo Vladimir Tatlin propose nel 1917 il suo progetto per una torre delle comunicazioni, soprannominata Il Monumento alla Terza Internazionale. Come era tipico dell’epoca, era previsto di condividere manifesti e notizie tramite onde radio, e se mai fosse completato, avrebbe potuto trasmettere messaggi anche con cieli nuvolosi. L’unica cosa che mancava era l’aspetto umano: non c’era un ponte di osservazione pianificato.

Seattle Space Needle / Seattle.  Immagine © Foto di Ganapathy Kumar su Unsplash

Per tutta la metà del XX secolo, la progettazione e la costruzione di ponti di osservazione, come lo Space Needle di Seattle (1961) e una serie di torri canadesi a Calgary, Vancouver e Toronto hanno iniziato a sorgere. In particolare, la CN Tower di Toronto, che sarebbe poi diventata una delle torri di osservazione più famose al mondo, era la più grande struttura indipendente al momento del suo completamento. Era visto in gran parte come un simbolo della percezione di sé di Toronto e del suo obiettivo di dimostrare la sua crescita di successo al resto del mondo.

Al giorno d’oggi, le torri di osservazione hanno assunto una nuova vita. Invece di essere una struttura con uno scopo unico, vengono integrati in edifici che hanno altri elementi programmatici come gli uffici. La società ora esamina attentamente l’uso del suolo, facendo sembrare i ponti di osservazione che sono solo ponti di osservazione uno spreco di spazio. I principali centri urbani della Cina progettano alcune delle torri di osservazione più sopra le righe del mondo, creando tram a bolle che circondano edifici alti quasi mezzo miglio. Londra ha recentemente proposto una torre di osservazione a forma di tulipano, progettata da Foster + Partners, ma dopo aver preso in giro la sua forma e aver messo in dubbio il valore che avrebbe portato al centro della città, è stata rapidamente demolita.

Il London Eye / Londra.  Immagine © Foto di Pablo Martinez su Unsplash

Per i visitatori, i ponti di osservazione offrono una vista di una città che non può davvero essere catturata in nessun altro modo. Per le città, offre l’opportunità di mostrare i loro progressi e il loro orgoglio culturale e generare entrate attirando turisti che vogliono vivere la meraviglia del loro skyline. Nel prossimo secolo, man mano che le città crescono in densità e la tecnologia consente di costruire edifici a nuove altezze, le torri di osservazione continueranno a fornire un’esperienza unica.

Origine: АrсhDаilу

Leave a Reply