Skip to main content

Origine: АrсhDаilу

Stefano Boeri Architetti selezionato per riqualificare il sito archeologico di Durazzo, in Albania

Stefano Boeri Architetti selezionato per riqualificare il sito archeologico di Durazzo, Albania, per gentile concessione di Stefano Boeri Architetti

Stefano Boeri Architetti e SON Architects sono proclamati vincitori del bando indetto dal Ministero della Cultura e dalla Fondazione Albanese-Americana per lo Sviluppo (AADF) per la conservazione, presentazione, valorizzazione e progettazione degli Scavi Archeologici dell’Anfiteatro Romano, dell’Anfiteatro Bizantino Foro e Terme Romane nel centro storico di Durazzo. A sostegno della visione a lungo termine per la città di Durazzo, i vincitori saranno anche responsabili della progettazione di una serie di percorsi urbani con l’obiettivo di ricollegare le principali attrazioni storiche con il lungomare e il porto della città.

L’anfiteatro, risalente all’inizio del II secolo, è una testimonianza della lunga storia della città. Nonostante sia in uno stato di abbandono, principalmente a causa della mancanza di risorse finanziarie e dei lenti sforzi di conservazione in corso, questo sito attira circa 20.000 visitatori all’anno. Ciò sottolinea il ruolo centrale che svolge nell’identità e nella vita sociale della città. I percorsi proposti intendono integrare il sito in un tessuto urbano attualmente frammentato e accentuarne il significato rendendo l’area più accessibile sia ai residenti che ai visitatori.

via Shutterstock di T. Miettinen

Nel brief sono inclusi anche altri due importanti beni culturali per la città di Durazzo. Le Terme Romane, monumento culturale classificato, coprono un’area di circa 700 mq con più strutture in attesa di essere scavate. L’area archeologica del Foro Bizantino si estende per circa 2.530 mq e contiene i resti di un portico circolare con al centro un podio che rimane parzialmente al di sotto del livello delle strade circostanti. Le due aree sono attualmente separate l’una dall’altra da una stretta fascia sterrata e sono chiuse al pubblico.

Stefano Boeri Architetti e SON Architects lavoreranno a stretto contatto con le agenzie governative responsabili e con specifici gruppi di interesse del settore pubblico nazionale e regionale, ONG, settore accademico e privato, università competenti e istituti di istruzione superiore. Il progetto sarà finanziato e gestito dalla Fondazione Albanese-Americana per lo Sviluppo (AADF) in collaborazione con il Ministero della Cultura.

via Shutterstock di Lev Levin

L’Anfiteatro di Durazzo non è solo un monumento culturale, ma una rappresentazione del simbolismo della città di Durazzo, una testimonianza della passata gloria di questa antica città, che deve essere restituita all’attenzione di ogni visitatore di Durazzo. I secoli hanno gettato un’ombra ma non hanno spento la luce dell’immensa ricchezza culturale di Durazzo, quindi il progetto di conservazione e rivitalizzazione dell’anfiteatro è necessario per ripristinare parte della gloria ‘perduta’. L’anfiteatro dovrà venire alla luce in tutta la sua imponenza e far parte di una mappa culturale di Durazzo, con l’obiettivo di collegare attraverso una rete di percorsi tutti i monumenti della città. Durazzo ha una straordinaria ricchezza archeologica e c’è molto altro da scoprire, ma tutte le strade dovrebbero condurci all’anfiteatro – Elva Margariti, Ministro della Cultura della Repubblica d’Albania.

Per gentile concessione di Stefano Boeri Architetti

L’iniziativa ribadisce l’interesse di Stefano Boeri Architetti per il patrimonio archeologico, già espresso attraverso progetti come la Domus Aurea in Italia e il parco archeologico di Ostia Antica. Dall’apertura di uno studio a Tirana nel 2015, Stefano Boeri Architetti ha anche contribuito attivamente alla scena architettonica dell’Albania, impegnandosi nello sviluppo del Piano Locale Generale della città di Tirana. Altri progetti nell’area includono una foresta verticale per il piano generale di Tirana 2030, il progetto del quartiere lungo il fiume di Tirana e un piano per trasformare le scuole in spazi a uso misto per le loro comunità.

Origine: АrсhDаilу

Leave a Reply