Skip to main content

Origine: АrсhDаilу

Crematorio MOKSHA / Rahul Deshpande and Associates

Crematorio MOKSHA / Rahul Deshpande and Associates - Fotografia di interni, mattoni, facciata, arco, colonna, trave

Crematorio MOKSHA / Rahul Deshpande and Associates - Fotografia di esterni, mattone

Descrizione testuale fornita dagli architetti. Un compito di design unico. Quattro diversi gruppi religiosi, indù, musulmani sciiti, musulmani sunniti, lingayat, condividono un appezzamento di terra per esercitare gli ultimi diritti ed eseguire rituali per i loro defunti. La sfida più grande era che ogni religione aveva i suoi approcci rigorosi e divergenti al design, in termini di colore, espressione, linguaggio visivo e privacy. Il comune divideva il terreno in diversi segmenti ed aveva accesso comune. Era importante esprimere il design in un linguaggio universale per trasmettere la sensibilità del programma dando a ciascuna comunità il suo senso di identità e personalità.

Crematorio MOKSHA / Rahul Deshpande and Associates - Fotografia di esterni, BeamCrematorio MOKSHA / Rahul Deshpande and Associates - Immagine 22 di 27Crematorio MOKSHA / Rahul Deshpande and Associates - Fotografia di interni, finestre, trave

Abbiamo scelto i mattoni e li abbiamo usati nel loro colore naturale da una fornace locale, in tutta la costruzione a significare l’ispirazione stessa per questo progetto. “Sei una parte di questa Terra, da sempre, nella vita come nella Morte” Un indù anonimo una volta scrisse. I mattoni e il loro colore sono stati usati per tutte le comunità, creando un senso di unità di umanità.

Crematorio MOKSHA / Rahul Deshpande and Associates - Fotografia di interni, colonna, trave

Già prima di iniziare il design, abbiamo chiamato MOKSHA, che in lingua sanscrita significa “Liberazione” dal ciclo di Vita e Morte, Liberazione dal Desiderio e Avidità, Liberazione dal mondo”. L’ultima salvezza. Il design ha seguito la stessa traiettoria. Le linee semplici, il gioco rilassante di masse e vuoti e l’uso minimo della luce esprimono calma e silenzio all’unisono. Verso il nulla.

Crematorio MOKSHA / Rahul Deshpande and Associates - Fotografia di interni, mattoni, trave, facciata, arcoCrematorio MOKSHA / Rahul Deshpande and Associates - Immagine 25 di 27Crematorio MOKSHA / Rahul Deshpande and Associates - Fotografia di interni, legno, mattoni, trave, facciata, colonna, arco, portico

Il processo di progettazione ha richiesto nove anni poiché i gruppi religiosi, il clero, i sentimenti, gli ego e la burocrazia hanno contribuito ai problemi e successivamente hanno trovato le soluzioni. La costruzione era semplice in muratura in legaccio inglese, meticolosamente progettata con colonne in cemento e struttura in acciaio. Il tetto era a falde e ricoperto di tegole di argilla locale.

Crematorio MOKSHA / Rahul Deshpande and Associates - Fotografia di interni, mattoni, facciata, trave, colonna, arcoCrematorio MOKSHA / Rahul Deshpande and Associates - Fotografia di interni, mattone, trave, colonna

L’esperienza dello spazio completa lo stato d’animo delle persone in lutto e tenta di consigliarle, in modo sottile ma sicuro. L’enorme volume nell’atrio, appena illuminato da una luce dal cielo che indica la perdita, eppure riflette che alla fine siamo soli, in questo vasto mondo immenso. La struttura a traliccio d’acciaio conduce le persone in lutto al punto finale, dove possono assistere alla cremazione. I Pyres hanno un rifugio che ricorda una piccola casa di campagna, creando in qualche modo la sensazione che la persona amata stia partendo per il suo ultimo viaggio da casa e non da una pira ardente.

Crematorio MOKSHA / Rahul Deshpande and Associates - Fotografia di esterni, finestre
Origine: АrсhDаilу

Leave a Reply